Benvenuto su Pordenoneinternational.it

Pordenone è la principale città del Friuli-Venezia Giulia occidentale. Si trova lungo le sponde del fiume Noncello e al centro di un’area urbana di circa 86 000 abitanti, costituita con il comune di Cordenons a est e con quello di Porcia a ovest. La città di Pordenone prende nome dalla sua passata vocazione portuale: il termine “Pordenone”, infatti, deriva dal latino Portus (porto) Naonis (Noncello). Il territorio di Pordenone si trova nella bassa pianura friulana della Pianura padano-veneta, a sud delle Prealpi Carniche, caratterizzata da abbondanza di acque e dal fenomeno delle risorgive.

Dopo essere stata sotto il dominio degli Asburgo, Pordenone rimane per secoli sotto l’influenza della Repubblica di Venezia. Sarà proprio questo dominio a condizionare il dialetto pordenonese, rendendolo una variante veneta vicina al dialetto veneziano. Pordenone può inoltre essere definita quasi un’isola linguistica, poiché nei territori circostanti si sono mantenuti dei dialetti friulani di tipo concordiese, pur fortemente venetizzati.

La città di Pordenone si è attestata nel corso degli anni in posizioni medie e buone nelle classifiche sulla qualità della vita. Tra gli elementi rappresentativi del Comune di Pordenone compaiono il già citato fiume Noncello, il campanile del Duomo concattedrale di S. Marco e il Palazzo Comunale. Tra i monumenti e i luoghi di principale interesse della città vi sono i seguenti:

  • Chiesa di Santa Maria degli Angeli, detta “del Cristo”, nella quale è custodito un crocifisso ligneo quattrocentesco dell’artista nordico Giovanni Tartarico;
  • Chiesa della Santissima Trinità, detta “della Santissima”, lungo il fiume Noncello, che contiene affreschi cinquecenteschi di Giovanni Maria Calderari;
  • Piazzetta Calderari, situata dietro il municipio, luogo di interessanti incontri culturali, circondata da alcuni pregevoli edifici moderni;
  • Villa romana di Torre, che fu scoperta negli anni cinquanta dal conte Giuseppe di Ragogna e i cui reperti e gli affreschi rinvenuti sono ospitati nel museo nel Castello.